Recensione: “99 Giorni” di K.A. Tucker

Dreams

Ho letto e recensito per voi il romanzo di K.A. Tucker

” 99 Giorni “

separio-2

51t2dt8wxnl-_sy346_Autore : K.A. Tucker

Data Pubblicazione : 15 Febbraio 2016

Edito : Newton Compton Editori

Genere : New Adult

trama Abbandonata nella campagna dell’Oregon, dove la credono morta, una giovane donna sfida ogni previsione e sopravvive, ma quando si sveglia non ha alcuna idea di chi sia, o di cosa le sia successo. La donna si dà il nome di Acqua, per un piccolo tatuaggio che scopre sul suo corpo, il solo indizio di un passato che non ricorda. Accolta da Ginny Fitzgerald, una signora irascibile ma gentile che vive in una fattoria, Acqua comincia lentamente a ricostruire la propria vita. Ma mentre cerca di rimetterne insieme i frammenti, altre domande si fanno strada nella sua mente: chi è il vicino di casa che in silenzio lavora sotto il cofano della sua Barracuda? Perché Ginny non gli fa mettere piede nella sua proprietà? E perché Acqua sente di conoscerlo? Jesse Welles non sa quanto tempo ci vorrà prima che la memoria di Acqua riaffiori. Per il suo bene, Jesse spera che non accada mai. Per questo cerca di tenersi alla larga da lei. Perché avvicinarsi troppo potrebbe far riemergere cose che è meglio lasciare sepolte. Ma si sa, l’acqua trova sempre una strada per tornare in superficie…

separio-2

recensione Un giorno imparerai che non importa davvero quale giorno sia. Ciò che conta è che tu prenda il meglio di ogni giorno fintanto che hai la possibilità di farlo.

E se un giorno ti svegliassi e non ricordassi chi sei?

Vi è mai capitato di pensare come sarebbe resettare la propria vita e ricominciare da capo? Senza ricordare ciò che ci siamo lasciate dietro, avere la possibilità di dare un colpo di spugna su tutti i nostri errori? Come sarebbe non dover fare il conto con quel passato che ci tormenta e non ci permette di vivere liberamente?

Non so voi, ma a me è capitato di chiedermelo e perché no, anche di desiderare di poter dimenticare tutto e tutti per ricominciare.

Se solo avessi ascoltato, se le fossi rimasto alla larga, se non le avessi detto come mi sentivo… se non mi fossi così follemente innamorato di lei.

Tuttavia, anche se anche può sembrare una “soluzione”, quanto può essere frustante non ricordare le persone che ci hanno cresciute, le esperienze fatte, le emozioni provate, il nostro stesso nome?

Tutto questo succede ad Acqua. Un bel giorno si sveglia e… nulla. Non ricorda come si chiama, non sa se qualcuno la sta cercando né qual è il suo posto. È  sola, senza memoria e sembra proprio che nessuno si stia dando da fare per trovarla. Non sa in realtà che è stata proprio lei a desiderare di cancellate tutto, e che è la sua mente ad averlo fatto.

Non va bene. Perché sono solo sette ore che ho lasciato l’albergo e lei mi manca. Perché già la rivoglio. E perché voglio credere che quello che è successo tra me e Alex è stato più che una semplice vendetta da parte sua.

Certo, risvegliarsi in ospedale ferita a tal punto da essere più morta che viva, scoprire di essere stata violata e picchiata, sapere che il responsabile voleva ucciderla, e non ricordare il colpevole può fare molta paura, ma in realtà il passato è proprio lì, vicinissimo a lei, come un ombra che veglia su di lei.

Fortunatamente non è sola, c’è la dottoressa Meredith che si prende cura di lei, insieme alla figlia infermiera Amber e al marito sceriffo Gabe che si sta occupando del suo caso, e poi c’è la adorabile pesantona Ginny Fitzgerald, che la accoglie sotto il suo tetto.

Ho bisogno che si ricordi quanto era felice con me.

Perché io ero così dannatamente felice con lei, e adesso sono a pezzi.
Ma sopratutto c’è Jesse Welles. Il figlio problematico di Meredith e Gabe. Con i suoi occhi scuri e i capelli biondo cenere, attira fin dal primo incontro in ospedale l’attenzione di Acqua. Ciò che non sa quest’ultima, è che quello non sarà un incontro casuale, che Jesse entrerà in quella stanza per vedere lei, che lui conosce il suo passato.

Sarà proprio lui a raccontarci gli avvenimenti di quando Acqua era Alexandria Petrov, moglie di un uomo che la maltrattava.

Volete leggere di un amore proibito, fatale, inevitabile?

Forse non ha mai contato sul serio quello che ho fatto o quello che ho scelto. Forse la verità è che eravamo destinati a trovarci. Una verità semplice che avrebbe continuato a cercare la sua strada per raggiungerci nonostante le difficoltà, indipendentemente da quale via avrei cercato di evitare.

Non importa quanto Alex e Jesse provino a stare lontani, si cercheranno sempre, perché i loro sentimenti sono più forti di tutto il resto. Non importa quanto sia pericoloso, stare con l’altro vale il rischio. Ma sopratutto è bello il modo in cui Jesse si prende cura di Alex, come sia innamorato di lei e sia pronto a rischiare per averla.

Ci ritroviamo di fronte a un nuovo Trent Emerson, con quell’amore passionale e quel senso di protezione per la sua donna. Un’altra certezza firmata Tucker.

Non conoscevo qualcuno simile a Jesse.

Conoscevo Jesse.

Conoscevo l’odore della sua pelle, il gusto della sua bocca, il suono della sua voce, la sensazione del suo sguardo scuro su di me.

Baci Niky.

 

Romance
Humor
Sexy
Sadness
Media
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]
Precedente Recensione "Prima di incontrarti" di K.A. Tucker Successivo Recensione "Agente del Caos" di Alexandra Gale